Home E News E COMMESSA 1500 – CIGS. Comunicato 28.12.22

COMMESSA 1500 – CIGS. Comunicato 28.12.22

28 Dicembre 2022 | News, Telecomunicazione

Commessa 1500 – Numero di pubblica utilità del Ministero della Salute. Dal 1° gennaio 500 lavoratori in cigs a zero ore, senza alcuna prospettiva occupazionale.

La commessa 1500, il numero di pubblica utilità del Ministero della Salute istituito nel periodo dell’emergenza sanitaria, occupa circa 500 lavoratrici e lavoratori in tutta Italia, tra i siti produttivi di Almaviva di Palermo, Catania, Rende, Napoli e Milano.

Il prossimo 31 dicembre, salvo diverse comunicazioni del Ministero della Salute ad oggi non pervenute, terminerà la sua operatività. Almaviva Contact ha già comunicato che tutto il personale coinvolto sarà collocato in cigs al 100%.

Nell’incontro tecnico svolto lo scorso 7 dicembre tra le organizzazioni sindacali, il Ministero del Lavoro, Il Ministero delle Imprese del Made in Italy, il Ministero della Salute al fine di affrontare congiuntamente la vertenza Almaviva che interessa migliaia di lavoratori, in particolare in Sicilia, il sindacato aveva espresso tutte le preoccupazioni sui gravi rischi occupazionali che potrebbero determinarsi, a partire proprio dalla commessa 1500 in capo al Ministero della Salute.

In quella occasione il dicastero della Sanità aveva comunicato di voler valorizzare le competenze acquisite in questi 3 anni, trasformando il servizio 1500 in un numero di pubblica utilità da dedicare a campagne vaccinali, prevenzioni sanitarie per malattie virali endemiche, ecc. traguardando continuità lavorativa per almeno 100 fte. Tenuto conto che il percorso descritto prevede una tempistica di realizzazione non di breve periodo, il Ministero si era impegnato a prorogare il servizio 1500.

Ad oggi, 28 dicembre, a soli 3 giorni dalla scadenza nessuna proroga del servizio 1500 è stata comunicata, pertanto Almaviva Contact ha comunicato che i lavoratori in questione saranno collocati in cigs a zero ore.

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil stigmatizzano il comportamento del Ministero della Salute. È inaccettabile che lavoratrici e lavoratori che nel pieno dell’emergenza sanitaria, con professionalità ed abnegazione, hanno rappresentato la “voce” dello Stato per i cittadini italiani vengano abbandonati dallo Stato stesso. Dal 1° gennaio questi lavoratori saranno collocati in ammortizzatore sociale, ma ancor più grave è la mancanza di una prospettiva occupazionale concreta per il futuro.

Non lasceremo intentata alcuna strada, a partire dal chiedere l’intervento dei massimi rappresentanti dello Stato. Quanto si sta consumando in queste ore non trova altra definizione che “vergogna di Stato”. Un committente pubblico che dopo aver utilizzato, per oltre 2 anni, centinaia di lavoratori li condanna ad ammortizzatori sociali prima ed alla disoccupazione poi.

Il governo si faccia carico del destino delle lavoratrici e dei lavoratori di Almaviva, convocando un tavolo d’urgenza e richiamando a responsabilità tutte le committenti, a partire da quelle pubbliche.

FORMAZIONE PREVIDENZIALE – 1° WEBINAR “COSA È IL FONDO TELEMACO”

I𝗹 𝟭° 𝗮𝗽𝗽𝘂𝗻𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗶𝗻𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮𝘁𝗶𝘃𝗼 “𝘊𝘰𝘴𝘢 𝘦̀ 𝘪𝘭 𝘍𝘰𝘯𝘥𝘰 𝘛𝘦𝘭𝘦𝘮𝘢𝘤𝘰” 𝘪𝘯𝘪𝘻𝘪𝘢 𝘷𝘦𝘯𝘦𝘳𝘥𝘪̀ 3...

  • 1 Febbraio 2023
Twitter Icon
UILCOM Nazionale

@UilcomNazionale

È online il XXII numero di UILCOM NEWS a cura della segreteria nazionale Leggi la rivista 👇 @SalvoUgliarolo @MischiPierpaolo @SavantLuciano @Roberta_Musu @RRetrosi Giulio Neri Alessandro Mannavola Rossella Manfrini https://t.co/oJHw0aQjJA

Oct 21 2022

RT @UILofficial: #Bombardieri: PierPaolo Bombardieri rieletto all'unanimità Segretario Generale della UIL. @PpBombardieri #piùdirittimenodi…

Oct 16 2022

È online il XXI numero di UILCOM NEWS a cura della segreteria nazionale. Leggi la rivista 👇 @SalvoUgliarolo @SavantLuciano @MischiPierpaolo @robertamusu Rossella Manfrini @RRetrosi Alessandro Mannavola Giulio Neri https://t.co/Or517xmbBO

Oct 07 2022